Test: Force GT-E

Durante questo breve test non ho avuto l’opportunità di mettere realmente alla frusta la nuova Force GT-E; peccato. Tuttavia ho avuto la possibilità di darle una prima occhiata molto da vicino, e di provare alcuni dei suoi tratti caratteriali. Una buona arrampicatrice, non si impenna sui tratti ripidi e non è troppo difficile da girare nello stretto, nonostante l’angolo di sterzo di “soli” 65°. Mantiene anche una buona presa in tutte le situazioni; soprattutto mi ha stupito sulle lastre rocciose, dove non avrei mai immaginato di arrampicarmi così facilmente. A questo livello, anche se non è l’unico elemento, diciamo che aiuta anche la scelta di un carro relativamente lungo (455mm).

Durante la discesa, ci è voluto un pò più di tempo per capirla. Nella taglia M – cioè quella che uso abitualmente per tutti i modelli testati – curiosamente mi ha dato l’impressione di rimanermi corta, con la parte anteriore che sembrava molto “leggera” e difficile da caricare. Secondo la scheda tecnica, il Reach è di 450mm per la taglia M, ovvero secondo la tendenza attuale. La scelta di un offset lungo (51mm) per mantenere una certa manovrabilità nonostante il peso e l’angolo di sterzata, può però spiegare questo comportamento. Ad esempio, quando parliamo di geometria, tutto è una questione di alchimia ed è difficile fare riferimento ad un unico valore.

Detto questo, una volta adattato lo stile di guidare, la bici torna ad essere più equilibrata. Il peso si sente ma non è un problema. È stabile quando le curve sono strette. In definitiva è abbastanza facile da maneggiare ed è molto versatile, non è una bici che richiede di essere guidata in maniera rapida per dare il massimo.

Se il comportamento della sospensione posteriore non offre modo di critica, lo stesso non si può dire della forcella RockShox 35. Difficile dire se il mal di pancia deriva da un cattivo assemblaggio o dal modello, ma è sembrato quasi come se fosse montato a secco. Dopo alcune decine di minuti di guida, ha iniziato a operare a scatti, il che riduce considerevolmente la percezione del terreno, la sensazione di aderenza e comfort soprattutto nelle successioni di urti.

Capitolo freni: gli Shimano MT420 a 4 pistoncini con dischi da 203 mm si sono rivelati ampiamente sufficienti per rallentare o fermare la bici, mentre la trasmissione Sram SX Eagle entry-level mi ha sorpreso per la sua qualità di funzionamento, anche sotto stress. Il tocco è meno raffinato rispetto ai gruppi di fascia alta, ma è comunque precisa abbastanza, anche sotto carico.

Sebbene breve e su un terreno non troppo vario, questa test mi suggerisce che la nuova Force GT-E ha un buon potenziale. Tuttavia, il rapporto tra montaggio e prezzo fa un pò rabbrividire, visti i quasi 4.500€ per una bici che monta una forcella RockShox 35 ed una trasmissione SX Eagle. Peccato davvero, vista la buona base.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.