Road

Test: Giant TCR Advance Pro Disc

Se non fosse per i due dischi piazzati sui cerchi, la Giant TCR Advanced Pro Disc sarebbe perfettamente uguale alla cugina Advanced SL: stesso telaio in carbonio, stessa geometria, stesso montaggio (ad eccezione dei cerchi) nelle medesime versioni. La TCR Advanced Pro Disc è leggera, rigida, agile, come la SL. Ma apparte l’impianto frenante, migliore perché idraulico a disco, di differenze, a ben guardare e provare, ce ne sono eccome.

Il telaio, come da abitudine per chi acquista Giant, è la sintonia perfetta tra qualità e prezzo; ha la ormai nota linea sloppata, che lo rende estremamente comodo anche nelle lunghe uscite e nel complesso la TCR Advanced Pro Disc è una bici che per 3000€ circa permette di avere tra le mani – e sotto il sedere – un mezzo adatto per chi compie le uscite della pausa pranzo, chi quelle del fine settimana o chi preferisce le lunghe giornate, anche consecutive di cicloturismo. Perché non è estrema, anzi. Ma non ha niente di che invidiare a modelli più blasonati in quanto a reattività negli scatti, a scorrevolezza in salita o in velocità in pianura.

Ma il suo pregio più grande è senza dubbio quella geometria, che la rende così compatta e allo stesso tempo rigida e leggera. Il modello provato monta il gruppo Shimano Ultegra e freni a disco Shimano RS805; poco da aggiungere, basta solo nominarli. E 7,5kg in taglia M, non male per una bici con sistema frenante a disco. Ok, la versione Advanced SL pesa praticamente un chilo in meno; ma nelle brevi distanze, o nelle pendenza non troppo elevate, praticamente non ci si accorge dell’aggravio di peso.

E così come la bilancia, anche i componenti, a ben guardare, sono leggermente di fascia inferiore se paragonati a quelli montati sulla SL; ma in fondo, il responso lo dà la strada. E nel caso della TCR Advanced Pro Disc è proprio la strada a dire che nonostante un livello globale di un mezzo gradino inferiore rispetto alla cugina, il comportamento e le sensazioni trasmesse sono tutt’altro che inferiori. La Pro viene naturale da guidare, non c’è praticamente niente da imparare su di lei; risponde rapida ai comandi, permette di usare la forza bruta sempre ed ovunque senza mai perdere fluidità. E questo sarà senz’altro merito della tecnologia Powercore di Giant, che permette di avere una scatola del movimento centrale sovradimensionata rispetto alla media, con un diametro di 86mm.

Un plus è inoltre la possibilità di montare un gruppo elettronico. Che cambia la vita, in maniera più assoluta. Apparte la rapidità e precisione nella cambiata, in questo particolare caso Shimano permette anche una configurazione estremamente personalizzata grazie alla app E-Tube Project.

La Giant TCR Advanced Pro Disc è una sicurezza. Se cercate una bici che vi possa permettere di fare praticamente tutto su asfalto, questa è un’ottima opzione da prendere in considerazione. È montata come una top anche se non lo è; si comporta come una top anche se non lo è; e, parere personale, è anche bella, ha linee piacevoli ed è comoda. Veramente.

Annunci

5 risposte »

  1. Buongiorno, il peso che dichiari e’ stato misurato con pedali e portaborracce? Sto cercando di capire quanto puo’ pesare circa la versione 2020 TCR 0 Disc (quella con il Force per intenderci). Ti ringrazio

    Mi piace

    • Ciao Giovanni,
      no, il peso, come si usa solitamente, è preso “a secco”, quindi senza quegli accessori personali quali possono essere, appunto, portaborraccia e pedali.
      Comunque, nel complesso, un’ottima bici e decisamente leggera. Se ti posso dare un consiglio, più che focalizzarti sul peso della trasmissione, il vero punto di forza di una bici da strada sono le ruote. Un’ottima coppia di ruote fa davvero la differenza.
      Un saluto, e buona giornata

      Mi piace

      • Ti ringrazio molto per la celere risposta! Concordo con te che la differenza la facciano le ruote. La valutazione infatti che sto facendo e’ se valga la pena acquistare la TCR 0 Disc Force 2020 rientrando la mia Tarmac SL5 Disc Di2 del 2017 che per quando modello ormai vecchio era comunque un top di gamma montata al top con Dura Ace Di2 e ruote Roval 40 CLX dal peso complessivo di 7.3Kg con pedali e portaborracce compresi, bici davvero molto performante e che mi sta dando molte soddisfazioni ma di cui mi preoccupa la svalutazione.. Il PRO della nuova GIANT sono sicuramente Gruppo SRAM Force 12v AXS e misuratore di potenza incluso (che pochi danno a quel prezzo). I dubbi sono sulle ruote GIANT SLR 1 ed in generale peso e confronto con la mia e se quindi spendere circa 1.4k/1.5k sia una buona operazione. Grazie ancora e buona giornata a te

        Mi piace

      • Ma sai, sono scelte molto personali… io la mia bici, quella che uso tutti i giorni e con la quale faccio le prove delle componenti, ce l’ho ormai da tre anni e detto sinceramente non mi preoccupo di quanto possa svalutarsi… è tenuta benissimo, non ha un graffio, è manutenuta in maniera perfetta… in negozio certe cose contano sempre e comunque, nonostante l’età del mezzo che comunque conta in parte… Poi ritengo che la cosa più importante sia come ti trovi con quella bici, mettendo da parte mode e voglie momentanee… Comunque è una bella scelta, non facile. In bocca al lupo!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.