Tecnica&Teoria

L’importanza dei super alimenti nella dieta sportiva: l’olio di oliva

Storicamente e culturalmente legato a doppio filo col bacino del Mediterraneo, l’olio di oliva è uno dei grandi tesori dell’Italia, e non solo. Lo si ricava dal frutto della pianta di olivo, l’oliva, che si consuma anche come frutto intero in vari modi; il 90% della raccolta mondiale, comunque, viene destinata a quello che i romani consideravano come l’oro più pregiato.

L’olio di oliva ha diversi usi, che vanno da quello culinario, in primis, fino a quello cosmetico, passando per quello medicinale, religioso e chimico, visto che in piccole quantità lo si trova addirittura nei carburanti.

Rimanendo però all’ambito sportivo, a chiunque pratichi sport l’olio di oliva è decisamente raccomandato nella dieta quotidiana benché si tratti di un alimento grasso. Grasso però nell’accezione migliore del termine, visto che l’olio di oliva è composto per il 75% di acido oleico, un grasso monoinsaturo della serie omega 9, che ha effetti benefici sui vasi sanguigni riducendo il rischio di malattie cardiovascolari. Altra caratteristica dell’olio di oliva è quella di essere adatto a chiunque e a qualsiasi età, per questo può essere consumato dalla nascita fino agli ultimi anni di vita.

L’olio di oliva è inoltre ricchissimo di vitamina E, che previene l’ossidazione; è ricco di polifenoli, ovvero antiossidanti che impediscono l’invecchiamento cellulare e la formazione di cellule tumorali; e naturalmente non manca di acidi grassi monoinsaturi (come accennato in precedenza), essenziali per ridurre il livello di colesterolo cattivo – LDL . Se poi aggiungiamo vitamine A, D e K e la sua proprietà di favorire l’assorbimento di minerali come calcio, fosforo, magnesio e zinco, ecco che si comprende come l’olio di oliva sia un alimento completo ed imprescindibile per un organismo sano ed in forma.

Ma non è finita qui: il consumo di olio di oliva migliora il processo digestivo evitando l’acidità gastrica e aiutando il transito intestinale; aiuta a controllare la pressione sanguigna ed il livello di glucosio nel sangue, e previene malattie degenerative come l’Alzheimer.

Ma quanto consumarne giornalmente? Non esiste una linea guida dettagliata sulla quantità di olio di oliva che si deve assumere nella dieta, ma è ormai condiviso il valore di tre cucchiai al giorno di olio di altissima qualità, ovvero l’extra vergine di oliva, perché il nostro organismo ne senta ogni beneficio. E lo si può usare per preparare piatti oppure come condimento di insalate ed insalatone, che nella stagione calda sono il pasto ideale sia a pranzo che a cena.

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.