Componenti

MicroShift Advent: il monocorona non è mai stato così semplice ed economico

La trasmissione della mtb è diventata nel tempo cosa sempre più sofisticata: dalla tripla si è passati alla doppia, poi è stato l’avvento del monocorona, che spopola; e c’è poi da considerare la trasformazione dal 9v fino al 12 e 13v odierno, per quanto riguarda il pacco pignoni. Tutto molto bello, sofisticato, moderno e futuristico che vogliamo: ma 1x12v, ad esempio, significa una catena sempre più sottile, data la prossimità dei pignoni fra di loro. Il che si traduce in una regolazione che deve essere pressoché perfetta se non si vuole una cambiata che logora il fegato; e chi non ha tanta pratica, deve per forza passare ogni volta dal proprio meccanico, pagando.

Alla MicroShift – che producono componenti per trasmissioni dal 1999, così recita il sito internet – l’anno messa in questi termini: semplice è meglio. Ovvero meno pignoni dietro, il solito mono davanti e il gioco è fatto. Ecco che nasce Advent, la trasmissione per mtb più semplice sul mercato, quella che richiede meno manutenzione di tutte e quella che costa meno: poco più di 100€.

Una cifra che vi permette di acquistare la cassetta a 9 velocità (con sviluppo 11-13-15-18-21-24-28-34-42) fabbricata in acciaio ad eccetto del pignone più grande, che è in alluminio; il cambio posteriore, realizzato per durare, bello resistente e massiccio, ed il comando a leve, che promette silenziosità e precisione nella cambiata.

Il gruppo MicroShift Advent non è leggero: la cassetta pesa 450 grammi, il cambio posteriore 379 grammi e il comando 114 grammi. Per un totale di poco inferiore al chilo, al quale comunque va poi aggiunta la catena, pedivelle, corona anteriore e movimento centrale. Ma per 110 € non si può pretendere certo la luna.

Può essere la mecca per tutti coloro che non hanno grandi pretese per la propria bici, che vogliono divertirsi il più possibile senza spendere fortune nel mezzo e nella sua manutenzione. Ma potrebbe anche rivelarsi una di quelle (tante) scommesse poco fortunate, che promettono poca spesa ma che poi fanno spendere più del dovuto perché si decide di tornare sui propri passi. Una volta si diceva “chi meno spende, più spende”.

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.