e-Bike

e-Test: BMC Speedfox AMP

Quando si pensa ad un marchio come BMC non si può fare a meno di immaginare prodotti di alta gamma, ben realizzati, ben studiati e progettati, di un certo valore e qualità decisamente sopra la media. E non fa eccezione la prima nata della casa svizzera in fatto di e-mtb, la Speedfox AMP. Attenzione, niente a che vedere con l’altra Speedfox, la “normale” Trail di BMC; questa Speedfox è diversa, completamente. In effetti ci hanno aggiunto l’acronimo di AMP, ma oltre a questo, oltre all’assistenza alla pedalata, ci sono anche geometrie diverse e la sola versione per ruote da 29”.

La BMC Speedfox AMP è una Trail bike decisamente aggressiva, che alla guida la fa quasi sembrare una bici da 150mm di escursione, a fronte dei 130mm reali – sia all’anteriore che al posteriore. Una Trail di livello superiore, di secondo step; con un angolo di sterzo di 66°, un tubo orizzontale di 619mm in taglia M, ruote da 29” e sistema sospensivo a singolo pivot, denominato APS, per oltrepassare qualsiasi ostacolo. E che al contempo, grazie ad una piccola modifica quale l’aggiunta di una bielletta complementare al punto di aggancio inferiore del basculante, garantisce un’ottima pedalata sia su asfalto, nei trasferimenti, che nelle salite su trail, nelle quali, ovviamente, viene in soccorso anche il motore Shimano STEPS E-8000.

Le pendenze: che si tratti di salita o discesa niente fa paura alla Speedfox AMP. Io ho testato la versione Two, la media di gamma; telaio in carbonio, batteria integrata nel tubo obliquo, motore elettrico Shimano STEPS MTB E-8000 da 250W e 70Nm di coppia, ammortizzatore Fox Float DPS da 130mm, forcella RockShox Revelation sempre da 130mm, trasmissione e freni Shimano XT, con dischi da 200mm sia davanti che dietro e reggisella telescopico RaceFace Aeffect. Media gamma, sì, ma decisamente sopra la media.

Il motore Shimano in salita spinge che è una favola; perché l’aiuto della modalità ECO – la prima delle tre a disposizione per l’assistenza – si trasforma in spinta più decisa prima in TRAIL, poi in BOOST dove, in particolari occasioni, ad esempio in ripartenze su salite ripide, si deve stare attenti a non cappottare. E su asfalto, bensì l’assistenza elettrica funzioni meno e peggio che su trail, per via dei rapporti usati e della forza espressa sulla pedalata, si raggiungono facilmente i 20 e poco più orari; e non mi riferisco a pianure e discese. Con una posizione di pedalata comoda ed efficace, per niente stancante, anche se come upgrade posso consigliare un manubrio con un Rise più accentuato di quello montato di serie, per innalzare leggermente il busto e le spalle.

Ogni trasferimento è un piacere, e non importa andare a tutta; colline e montagne si trasformano, cambiano aspetto, diventano godibili e soprattutto fruibili. Anche se il vero divertimento è la discesa.

La BMC Speedfox AMP pesa 22,5kg, e non è certo un peso piuma. Anche con un telaio in carbonio e cerchi in carbonio – che sono di serie su questa versione Two – quando la si prende in mano non si può non farci caso. Ma è nella natura delle e-bike, e la Speedfox AMP non è un eccezione. Ma questo peso, quella geometria così spinta, quelle ruote da 29” fanno sì che in discesa questa e-mtb sia una vera belva che divora tutto ciò che le si para di fronte. Acquista velocità in un batter d’occhio, a volte impressiona per la rapidità con la quale scappa quasi via. E le curve veloci ad ampio raggio se le mangia, sicura e per niente appesantita da quel popò di roba che si porta con sé. Diverso il discorso nel misto stretto veloce, dove bisogna prendere un po’ di confidenza col mezzo ed addomesticarlo per non rischiare dei lunghi.

E se la pendenza comincia ad essere variabile, con continui sali-scendi che solitamente spezzano fiato e gambe, il motore Shimano E-8000 è il vostro miglior alleato, una sicurezza, sempre pronto all’aiuto, all’assistenza. Lasciare la batteria ed il motore accesi è d’obbligo, anche in discesa ma con l’assistenza in modalità off. Poi, quando serve, basta premere la leva che l’azione e scegliere in base alle esigenze se andare su ECO, TRAIL o BOOST ed è immediata l’azione aggiuntiva che arriva sui pedali. Non la si attende neanche una frazione di secondo e pare una fucilata. Un motore fantastico che dà il meglio di sé tra le 60 e le 80 pedalate al minuto; un range entro il quale l’assistenza è massima ed il consumo – 70/75 pedalate al minuto – è il minimo possibile.

Anche se la durata della batteria non è assolutamente un problema. Non sto qui a snocciolare numeri vari, visto che proprio la batteria ha una durata variabile a seconda del percorso, dell’utilizzo, della cadenza di pedalata e del peso del biker. Posso però dire che a me, che peso intorno ai 65kg, in un test specifico di appena 35,5km, fatti di trasferimento su asfalto e bike park, saliscendi continui e motore tenuto alla frusta e maltrattato per tutto l’arco dell’uscita – passando più e più volte da una modalità di assistenza all’altra – le tacche della batteria sul display sono scese da 5, il massimo, a 3. Quindi con almeno altrettanti 35,5/40km di maltrattamento a disposizione.

Alla fin della fiera cosa dire di questa BMC Speedfox AMP? Che, tornando all’inizio, si pensa a BMC e vengono in mente solo prodotti di qualità. Come questa Speedfox AMP. Bella nel suo color rosso acceso, nelle sue linee quasi da moto, nel suo comportamento in discesa – che il sottoscritto preferisce – e con quel motore Shimano che non tradisce mai. Una bici al top della categoria, la quale vuole solo essere inforcata per garantire puro e semplice divertimento.

2 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.