Tecnica&Teoria

Pro e contro della trasmissione monocorona

Da qualche anno praticamente non esiste altro per quanto riguarda il mondo della mtb. Sto parlando della trasmissione monocorona. Fino a qualche anno fa una soluzione impensabile, ma in fin dei conti il salto dalla tripla al mono, con passaggio dalla doppia, è stato abbastanza repentino. E ha coinvolto tutte le specialità fuoristradistiche, dall’Xc al DH, senza nessuna esclusione; anche se con caratteristiche diverse, ovvio. Ma cos’è una trasmissione monocorona, e quali sono i vantaggi e gli svantaggi che l’accompagnano? E se la mia bici non ne è dotata, magari perché un po’ datata, mi conviene montarla sù?

Andiamo per ordine: la trasmissione monocorona è, come dice il nome, un gruppo cambio che prevede, all’anteriore, la singola corona. Ora, di questo sistema, ne esistono diverse varianti: si va dai sette pignoni posteriore per il DH fino ai 13 di ultima concezione. I più diffusi, comunque, sono quelli che prevedono 11 o 12 pignoni alla cassetta. Per quanto riguarda quelli a 10, invece, si tratta di trasmissioni trasformate, magari passando da una doppia al più moderno mono.

La corona singola anteriore, poi, è molto variabile nel suo numero di denti: generalmente il range va dai 26 ai 38 e la stessa dentatura ha una forma differente rispetto ai sistemi di tripla e doppia, perché da evitare c’è la caduta della catena, frequente se non si adottano contromisure. Per lo stesso motivo anche il cambio posteriore monta molle più dure, in modo che la catena stia sempre “in tiro” ed abbia meno oscillazioni possibili. Il tutto perché a mancare, ovviamente, è il deragliatore anteriore che in un sistema monocorona non ha ragione d’esistere.

Nel complesso la trasmissione monocorona ha il vantaggio di essere più semplice rispetto alle altre: semplice nell’utilizzo – visto che si deve pensare solo ad un cambio, con una singola leva per i pignoni dietro. Semplice anche nel mantenimento, quindi nella pulizia o nella sostituzione delle parti logore. E pesa decisamente meno rispetto ad un tripla o ad una doppia. Altro punto a favore è che pulisce le linee della bici, con meno fili, una corona in meno, l’addio al deragliatore anteriore.

Ci sono però anche dei contro e, mi si scusi il bisticcio, non di poco conto: il primo riguarda la scelta del numero dei denti dalla singola corona. E qui, come di ce qualcuno, casca l’asino; si perché si devono tenere in conto diversi fattori, quali la condizione fisica personale, il tipo di bicicletta, la disciplina che si affronta ed il terreno sul quale si pedala – mi riferisco a salite e discese. Poi c’è il fattore economico: fino a qualche mese fa i sistemi monocorona costavano l’ira di dio. Adesso le cose sembrano cominciare a cambiare in meglio, infatti sul mercato esistono entry level di buona qualità che si possono acquistare a molto meno, e adattissimi per cominciare e per coloro che non hanno un portafogli a fisarmonica. Terzo, la caduta della catena: come accennato in precedenza è una noia che capita spesso, ameno di non acquistare (a parte) tensionatori e guidacatene pensati apposta per questo inconveniente. C’è poi la questione del logorio dell’intera trasmissione, più rapido rispetto agli altri sistemi. Infine l’annosa questione del corpetto XD necessario, anzi indispensabile per montare il sistema Sram. Fortunatamente le altre marche – arrivate più tardi a sviluppare la monocorona – ci hanno messo una pezza.

Insomma, ma quella del monocorona è una scelta che vale la pena fare? A mio personale avviso decisamente sì. Risolto il problema del numero dei denti davanti, la strada è spianata. Senza contare il fatto che ora dietro si arriva anche fino al 51. In pratica non c’è salita che tenga. Ovvio, il contrappasso è la discesa o la pianura nei trasferimenti su asfalto, dove le velocità che si possono raggiungere non saranno certo elevatissime. Ma la mtb è fatta per i sentieri e non certo per scorrere sopra il bitume. Ed ora che anche il prezzo non è più un problema, se avete una bici con una trasmissione doppia, fate il salto. Il miglioramento sarà percepibile da subito e non tornerete più indietro.

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.