Tecnica&Teoria

Anatomia dello pneumatico

In principio c’è la tela. Senza la tela, o meglio, una trama incrociata di tele, non esiste pneumatico – non solo per biciclette. Questo incrocio sapiente di tele in diverse direzioni serve a donare e garantire elasticità alla gomma, nonché la sua forma. E per tenere uniti i diversi filamenti di tela vengono usate resine speciali che permettono il movimento elastico. Questa è la base. Poi, all’esterno, viene applicato il battistrada, ovvero la porzione del pneumatico a contatto con la strada.

E se una volta il battistrada era un semplice strato di gomma, adesso lo studio sempre più esasperato e tecnologico ha portato i vari costruttori ad impiegare più strati, trasversalmente e longitudinalmente, che garantissero un maggior grip ed una migliore scorrevolezza rispetto ai tempi che furono.

Oggi non si parla più di gomma (intesa come materiale) ma di mescole, più complesse e con proprietà fisiche e chimiche diverse. E tra una mescola e l’altra c’è differenza, mica sono tutte uguali. Di base sta comunque il fatto che più una mescola è morbida, più grip avremo col terreno; più la mescola sarà dura, più scorrevolezza troveremo. Ma perché optare per un’unica soluzione a discapito dell’altra, quando di può prendere un po’ dall’una ed un po’ dall’altra per ottenere un prodotto praticamente perfetto? Ed è proprio questa la via intrapresa nella costruzione degli pneumatici più pregiati, banalmente quelli che costano di più: una mescola dura nella fascia centrale dello pneumatico, in modo da garantire scorrevolezza e velocità in rettilineo e spinta, ed una più morbida ai lati, che rende più sicura la fase in curva. Ultimamente, poi, c’è stata anche l’aggiunta del kevlar, sotto forma di uno strato che si interpone tra battistrada e tela e che rende più difficili le forature.

E per quanto riguarda il peso della gomma? Se la cercate più leggera, allora rivolgetevi verso quegli pneumatici con più elevato valore di Tpi (Thread per inch, ovvero tela per pollice). Maggiore sarà questo numero, più filamenti di tela saranno presenti nella struttura della gomma. Il che significa più qualità in primis, perché minore quantità di gomma nella struttura stessa – vista la trama finemente intrecciata al di sotto. E secondo, minor gomma si traduce in minor peso, quindi meno massa in movimento, ovvero maggior scorrevolezza sull’asfalto.

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.