Componenti

Test: Continental Der Baron Projekt 2.6

Anche Continental si è gettata nel nuovo segmento delle gomme Plus. E lo ha fatto, verrebbe da dire, di testa piena, con un prodotto veramente ottimo che rischia, una volta provato, di farvi rimanere fedeli per chissà quanto. Ma andiamo per ordine.

Arrivato il pacco, apro e la prima cosa che mi impressiona è il disegno del battistrada: uno spettacolo. Lo so, non vuol dire gran ché, ma a volte anche l’occhio vuole la sua parte, anche e forse a maggior ragione su un prodotto come è lo pneumatico. Per di più per una mtb, visto che proprio le gomme colpiscono più di ogni altra cosa – fatta eccezione per il telaio. E lo standard Plus amplifica ancor di più l’importanza che una “bella” gomma ha nel complesso della bici.

Comunque, apparte gli aspetti meramente estetici, quello che più interessa è il funzionamento di queste nuovissime Continental Der Baron Projekt 2.6. Già il nome mette suggestione. Der Baron, mi porta alla mente qualche mitico aviatore del passato.

Procedo al montaggio, cerchi da 27.5: in mano questi Continental si appiccicano alle dita. Merito del composto BlackChili, che lascia presagire quel che di buono verrà. Sono tubeless, e a differenza di altri modelli tubeless i Der Baron alle prime pompate stallano col tallone sul cerchio. Una meraviglia, ed una semplicità per me unici ed impensabili fino a questo momento.

Registrata la pressione, su 1.5 bar, comincio a pedalare. Prima di gettarmi sulle mie piste preferite (e più vicine a casa) faccio una manciata di chilometri sull’asfalto. E qui la fatica nella pedalata si sente tutta. Normale, già di per sé con una mtb, ancor più giustificata dall’imponenza di queste Der Baron.

Poi, finalmente, il campo di battaglia. In tutti i sensi, visto che nelle ultime settimane in zona non ha fatto altro che piovere. Ed i sentieri sono zuppi, c’è fango ed acqua ovunque. Ma niente problemi, visto che i Continental Der Baron hanno trovato proprio su questo tipo di terreno il loro habitat naturale. Mi è parso quasi sconvolgente la tenuta, praticamente perfetta ovunque: salita, discesa, curve ripide, sassi umidi e dita di fango. Si vede che quel composto, il BlackChili, è veramente magico come avevo sentito dire.

In più posso dire che Continental sembra aver trovato la formula per le gomme perfette da Enduro e Freeride: 27.5” e 2.6” di dimensioni. Il giusto compromesso tra diametro e larghezza; quel tanto che basta per avere il grip ideale in ogni tipo di situazione, senza che la propria bici sembri una fat.

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.