Mtb

Test: Rose Uncle Jimbo

Un telaio che ti permette di spingere oltre limiti impensabili, grazie ad una geometria polivalente, un peso competitivo di 2,7 Kg – nonostante sia realizzato in alluminio – ed un montaggio veramente top. E’ la Uncle Jimbo, l’ultima nata di casa Rose Bikes.

Pulita, col passaggio cavi interno, rigida quanto basta, adattissima per le discese più dure; un telaio rinforzato nei punti soliti critici, ovvero quello della pipa del manubrio e del movimento centrale. Due peculiarità che accentuano il carattere “duro e puro” di questa Uncle Jimbo, che permettono di strapazzarla, di andare giù sicuri, appunto, di osare.

Ma questa ultima creatura della marca tedesca si comporta bene anche in salita. Con le sue ruote da 27.5” è, personalmente, la migliore Rose da enduro che abbia mai provato. E non mi riferisco solamente alla guida, ma anche al senso e alla percezione di qualità che regala sin dal primo momento in cui sali in sella.

Comoda sulle pietre, grazie alla sospensione CTD di Fox e al monocorona da 11 rapporti di Sram è una bici che si guida in maniera agile, facile, che permette una frenata ritardata. Una macchina da enduro pieno, sfruttabile per un’intera giornata, che non affatica e non stanca. In una parola, comoda. Ma anche resistente e, soprattutto, maneggevole.

Il montaggio di serie è pregevole, top di gamma, per una qualità totale massima. Con la chicca della personalizzazione regalata dal configuratore online di Rose.

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.